5 tendenze per il turismo mondiale 2019

turismo mondiale 2019

Per gli operatori turistici o i semplici interessati, può essere difficile trovare le tendenze e le statistiche di viaggio attuali senza dover ricercare articoli diversi in rete. Proprio per questo motivo abbiamo voluto riassumere 5 tendenze che hanno contraddistinto già in buona parte il 2018 e che, a nostro giudizio, potrebbero continuare a contraddistinguere anche il 2019.

Cominciamo dall’evidenza che le prenotazioni dell’ultimo minuto sono in aumento. Nel 39% dei tour operator ha affermato che le prenotazioni last minute sono state una tendenza comune per il proprio business di riferimento, mentre i dati di prenotazione di TrekkkSoft mostrano già che le prenotazioni per tour e attività che durano da 1 a 3 ore tendono ad essere prenotate in destinazione o poco prima dell’arrivo.

Questa tendenza – racconta https://www.gnoccatravels.com, un portale di riferimento specializzato nel turismo per divertimento e piacere – renderà difficile per gli operatori turistici pianificare le risorse e il personale in anticipo, e renderà parte del loro successo dipendente fortemente dalle condizioni meteorologiche. Il marketing, le partnership locali e la disponibilità “live” saranno strumenti chiave per controbilanciare questa situazione.

La seconda caratterizzazione è il fatto che, comunque, la prenotazione anticipata è preferibile per viaggi di più giorni. Insomma, nel caso in cui il proprio viaggio non sia brevissimo, le attività vengono tendenzialmente prenotate con maggiore anticipo e sono un’opzione preferita dai viaggiatori. La convenienza è un punto di vendita chiave, in quanto i viaggiatori non hanno più bisogno di passare il tempo a pianificare le varie attività.

Terzo filone di analisi è il fatto che i viaggiatori stanno visitando nuove destinazioni rispetto al passato. Dall’indagine sul turismo del 2018, è emerso che il 22% dei partecipanti ha visto un aumento visibile dei visitatori provenienti da una nuova destinazione. Non sorprende che si tratti principalmente della Cina, i cui turisti hanno dimostrato spendere di più quando si viaggia. Altre destinazioni sono state gli Stati Uniti, l’America Latina e la Spagna.

Un ulteriore elemento di caratterizzazione dell’ultimo anno è il fatto che i turisti sono sempre più interessati a richiedere nuove esperienze. Gli operatori turistici stanno ricevendo richieste di esperienze uniche da parte di viaggiatori che vogliono fare qualcosa di unico nella propria vita. Una tendenza che sta diventando sempre più comune tra i Millennials che vogliono esplorare il mondo e condividere le loro storie con gli altri.

Infine, emerge quanto siano sempre più richiesti tour ecologici ed educativi. I tour ecologici sono i tour più popolari offerti da molti operatori turistici di maggiore spicco. Si tratta solitamente di esperienze rare che educano e condividono informazioni privilegiate sul territorio e su come proteggerlo per il futuro. I tour che utilizzano i proventi per finanziare progetti ecologici come il ripristino di foreste o di habitat animali sono di norma preferiti rispetto agli altri, a conferma del fatto che vi è – da parte dell’utenza che viaggia – una crescente attenzione per le tematiche della sostenibilità ambientale, e della possibilità di contribuire, con il proprio viaggio, alla salvaguardia naturale.

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*