Le spiagge italiane più belle

Quali sono le spiagge più belle d’Italia? Da nord a sud il nostro Paese propone una varietà straordinaria di litorali spettacolari, in grado di lasciare a bocca aperta per il loro aspetto fantastico. Basti pensare, per esempio, alla Spiaggia dei Conigli che si trova sull’isola di Lampedusa, conosciuta in tutta Europa, se non addirittura in tutto il mondo, per le sue acque turchesi e lo scenario naturale in cui è incastonata. In questa riserva naturale caratterizzata da una sabbia finissima trovano spazio, tra l’altro, le tartarughe Caretta Caretta, che vengono proprio qui per deporre le proprie uova anno dopo anno.

Sempre in Sicilia, ma sull’isola di Favignana, c’è – invece – la spiaggia di Cala Rossa, il cui nome deriva secondo la leggenda dal sangue che i combattenti versarono durante le Guerre Puniche. Niente paura, comunque, perché le acque del mare oggi non hanno tracce di rosso ma sono turchesi. A proposito: da non perdere sono le cave di tufo di questa località. Da un’isola all’altra, ci si può spostare in Sardegna per andare alla scoperta della spiaggia La Pelosa, nella parte nord-occidentale della regione, a Stintino, in provincia di Sassari. Le sue acque cristalline e la sua sabbia bianchissima sono impreziosite dal profilo della Torre del Falcone, che si può ammirare in lontananza e che domina tutta l’area.

spiagge italianeProseguendo nella rassegna delle spiagge più belle d’Italia, si rimane in Sardegna, ma ci si trasferisce nella provincia dell’Ogliastra, per lasciarsi affascinare dal Golfo di Orosei, e in particolare da Cala Mariolu, situata nella località di Baunei. Il nome di questa spiaggia deriva dalla parola “marolu”, che vuol dire “ladre”: è il termine con cui i pescatori del posto erano soliti chiamare le foche monache locali che si impadronivano dei pesci che loro avevano appena pescato. Al di là di questo aneddoto curioso, comunque, quello che colpisce di questo litorale è la limpidezza delle acque, valorizzata da una spiaggia in cui sassolini di colore rosa si mescolano con la sabbia.

In Calabria, poi, vale la pena di menzionare la spiaggia di Tropea, in provincia di Vibo Valentia: il sole che illumina la sabbia chiara e il mare turchese rende questa destinazione consigliata a tutti i turisti che desiderano abbinare divertimento e relax. Non c’è solo il Meridione, comunque, in questa rassegna: merita di essere citata, per esempio, la Baia del Silenzio che si trova in Liguria, a Sestri Levante, in provincia di Genova. E se il borgo di per sé è già uno spettacolo, grazie alle sue abitazioni color pastello, ecco che la spiaggia lo rende ancora più suggestivo: non è un caso che le sue acque limpide fossero molto amate da Lord Byron.

Infine, tornando a sud, in Puglia c’è la spiaggia Porto Selvaggio in quel di Nardò. Nel bel mezzo di un Salento in cui la natura è ancora incontaminata, questa piccola perla si presenta come una spiaggia libera su cui domina la Torre dell’Alto e che è attorniata da una pineta che offre l’ombra di cui si ha bisogno nelle ore più calde.

Add Comment

Please Do the Math